Mala scuola renziana, gli studenti tornano in piazza: ecco cosa chiedono i ragazzi pescaresi

1' di lettura 10/11/2015 - Non accenna a placarsi la protesta degli studenti contro la cosiddetta ‘Buona Scuola’ di marca renziana, già bollata come una vera e propria ‘forzatura democratica’ dalle opposizioni. (nella foto, il presidente del Consiglio Matteo Renzi)

Dopo le manifestazioni organizzate in molte piazze italiane lo scorso 9 ottobre per difendere la democrazia e il diritto allo studio, gli studenti torneranno in trincea il prossimo 17 novembre, in occasione della ‘Giornata Internazionale dello Studente’.

“Anche a Pescara – scrivono i promotori – vogliamo riprendere parola sul dramma che viviamo nel nostro Paese: nessuna risorsa sul diritto allo studio, un governo che si sta facendo promotore di un’aggressione al territorio senza precedenti, e la sospensione della democrazia che questo stesso esecutivo sta operando”.

Il corteo studentesco sfilerà nelle strade cittadine rivendicando il diritto allo studio per tutti, con istruzione gratuita e di qualità, uno spazio sociale giovanile adeguato, una valida alternativa alla Buona Scuola, la riforma del sistema dei trasporti e la possibilità di frequentare scuole sicure.

“Vogliamo essere chiari – conclude la nota degli organizzatori - soprattutto nei confronti di coloro che, dopo averci sottratto tutto, ci dicono di accontentarci delle miserie di questo presente”. La sfida è lanciata: appuntamento in piazza il prossimo 17 novembre.






Questo è un articolo pubblicato il 10-11-2015 alle 15:32 sul giornale del 11 novembre 2015 - 558 letture

In questo articolo si parla di scuola, cultura, politica, studenti, pescara, democrazia, renzi, diritto allo studio, matteo renzi, stefania giannini, vivere pescara, articolo, la buona scuola, manifestazioni studenti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqf5