Halloween da incubo per i residenti di via Battisti: risse, auto danneggiate e schiamazzi fino all’alba

3' di lettura 02/11/2015 - Halloween? Una notte da incubo, nel vero senso della parola. A parlare sono ancora una volta i residenti della zona della nuova movida pescarese, tra piazza Muzii e via Battisti.

“E’ stato un weekend terribile – si legge sulla pagina Facebook dell’associazione ‘Tranquillamente Battisti' -, fino alle 3 di notte abbiamo assistito impotenti a risse, danni alle auto, vetri rotti, bivacco, sporcizia e schiamazzi”.

Tutto questo, si potrebbe aggiungere, alla faccia della strombazzata ordinanza anti-bivacco con cui la Giunta comunale ha cercato nelle scorse settimane di arginare il fenomeno. “Come mai la Polizia municipale quando si avvicina la mezzanotte non si vede più?”, si chiedono i residenti. “Sono stati in giro fino alle 23 a fare multe alle auto, per poi sparire nel nulla. Avranno mica paura dei mostri?”

E se alcuni esercenti hanno parlato di episodi isolati, legati alla ‘particolarità’ della serata, gli abitanti della zona del mercato coperto non ci stanno, e per l’ennesima volta rivendicano il diritto a trascorrere in pace almeno le ore notturne. “Non si tratta affatto di un episodio isolato – dichiarano -, abbiamo documentato quello che accade e non è solo un ricordo della scorsa estate. Si tratta della quotidianità”.

“Le ordinanze-spot non servono a nulla – conferma il coordinatore cittadino di Forza Italia Guido Cerolini -, men che meno a garantire l’ordine pubblico". “Per riportare la calma e il rispetto delle regole nel nuovo quadrilatero della movida – prosegue l’ex assessore provinciale - occorrono controlli continui, ovvero un Presidio fisso notturno della Polizia municipale, da dislocare utilizzando i nuovi spazi del mercato di piazza Muzii, appena ristrutturato. Solo la presenza costante delle divise può fungere da deterrente contro risse e schiamazzi. E sul tema torno a chiedere un’assemblea cittadina da tenere sul posto non solo con il sindaco Alessandrini, ma anche con l’assessore alla Polizia municipale Adelchi Sulpizio, finora totalmente assente e disinteressato rispetto ad una vicenda che invece lo riguarda in prima persona per via delle sue deleghe”.

“Il successo dell’ordinanza di Alessandrini – sottolinea ancora Cerolini - strombazzata ai quattro venti, è stato quello di aver fatto quattro multe postume ai gestori delle attività che non hanno rispettato l’orario di chiusura, ossia il successo è stato quello di ‘aver fatto cassa’, perché, intanto, il gestore ha lasciato aperta l’attività, comunque ha permesso ai propri clienti di restare sulla strada a schiamazzare sotto i balconi fino alle 2 o alle 3 di notte, indisturbati, ai danni di chi abita in quei condomini e non ha strumenti per difendersi. Le ordinanze-spot non stanno impedendo ad alcuno di mangiare e bere sulle scale del mercato, che ogni mattina è un tappeto di bottiglie, perché la notte, all’1, alle 2, o alle 3, non ci sono vigili a impedire il bivacco, ovvero ad allontanare e, nel caso, a sanzionare chi viola le norme. E gli episodi di violenza continuano a ripetersi, ogni notte, sotto i balconi di chi abita in piazza Santa Caterina, via De Amicis e via Cesare Battisti”.






Questo è un articolo pubblicato il 02-11-2015 alle 17:07 sul giornale del 03 novembre 2015 - 1047 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, vandalismo, politica, halloween, ordine pubblico, giovani, movida, pescara, vandali, bivacco, vivere pescara, guido cerolini forlini, giacomo cuzzi, piazza muzii, marco alessandrini, forza italia pescara, articolo, polizia municipale pescara, popolo della notte

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/apXf