Orrore a Pescara: sesso con bimbo di 5 anni, arrestati mamma e zio

1' di lettura 22/10/2015 - Produzione e diffusione di materiale pedopornografico, abusi sessuali e corruzione di minorenni: sono queste le terribili accuse che pendono su una coppia di pescaresi, arrestati dalla Polizia Postale su disposizione del Gip del Tribunale dell’Aquila.

L’indagine, partita qualche settimana fa grazie alla segnalazione di un'organizzazione che monitora i siti e le chat frequentate dai pedofili, ha portato la Polizia sulle tracce di un uomo residente a Pescara. A seguito di una perquisizione, il sospettato è stato trovato in possesso di numerosi video illegali scaricati da internet. Tra questi, gli inquirenti hanno rinvenuto dei filmati in cui una donna, risultata poi essere la cugina/compagna dell’indagato, abusava sessualmente di un bambino.

Da ulteriori approfondimenti è emerso come la donna in questione fosse la madre del piccolo, costretto non solo a sottostare alle aberranti attenzioni materne ma spinto perfino a filmare atti sessuali compiuti da terzi.

Mentre per i due pedofili sono scattate le manette, il tribunale per i minorenni dell’Aquila ha disposto l’immediato allontanamento del bambino dall’abitazione materna.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2015 alle 15:13 sul giornale del 23 ottobre 2015 - 730 letture

In questo articolo si parla di cronaca, bambini, pedopornografia, pescara, sesso, pedofilia, abusi sessuali, pedofili, vivere pescara, marco verri, articolo, violenza sessuale su minori, polizia postale pescara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/apwK