Studenti in piazza contro Renzi: ‘Deriva autoritaria per la scuola’

1' di lettura 09/10/2015 - ‘Continueremo a mobilitarci per una scuola partecipata e non autoritaria’: potrebbe riassumersi così il senso della mattinata di protesta di un centinaio di studenti, riuniti stamattina in piazza Salotto per manifestare contro la cosiddetta ‘Buona scuola’ (foto).

“Nonostante la legge sia stata approvata – spiegano i promotori – noi studenti vogliamo continuare ad opporci ad un sistema che non valorizza la scuola pubblica, minando le basi dell’istruzione”.

Tutto questo, sottolineano i manifestanti, nonostante non sia mai mancato lo sforzo per cercare alternative con professori e personale Ata. “L’obiettivo – si legge in una nota del Collettivo studentesco – era e resta quello di una scuola inclusiva, laica, solidale e democratica”.

Un’immagine evidentemente mai raccolta dal Parlamento italiano, dimostratosi “sordo alle richieste che vengono dal basso”.

Dopo il raduno in piazza Salotto, i ragazzi si sono riuniti in gruppi di lavoro su ‘Buona scuola’, percorsi alternativi e spazi sociali. La protesta, in ogni caso, va avanti.






Questo è un articolo pubblicato il 09-10-2015 alle 18:21 sul giornale del 10 ottobre 2015 - 420 letture

In questo articolo si parla di scuola, politica, studenti, proteste, pescara, riforma della scuola, matteo renzi, stefania giannini, vivere pescara, piazza salotto, articolo, collettivo studentesco pescara, la buona scuola

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ao3r