Vandali scatenati a Spoltore: Palatenda squarciato con un coltello. Il sindaco: ‘Sono degli sfigati’

1' di lettura 26/06/2015 - ‘Ignobili e vergognosi’: con queste parole il sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito ha commentato i gravi atti vandalici a danno del Palatenda di via Nora. Nella notte tra il 24 e il 25 giugno, ignoti si sono infatti accaniti sulla struttura di Santa Teresa di Spoltore, con un taglio del tendone di circa due metri, l’imbrattamento delle superfici esterne e il furto di alcune palle da gioco. (nella foto: la 'firma' lasciata dai vandali sul Palatenda)

“E’ assolutamente ingiusto che la comunità di Spoltore paghi il prezzo delle scellerate azioni di pochi balordi”, ha dichiarato ancora il sindaco, annunciando l’intenzione di sporgere denuncia ai Carabinieri.

Il Palatenda, che è una delle poche strutture dedicate allo sport in città, la mattina accoglie i bambini della scuola mentre nel pomeriggio dà spazio ai ragazzi delle associazioni.

“Danneggiare le strutture pubbliche – sottolinea il primo cittadino - è un atto vile e lo è ancor di più se si tratta di strutture dedicate ai bambini ed ai più giovani. Non sappiamo chi siano gli artefici di tali azioni, quello che è certo è che vanno isolati ed individuati, perché gli spoltoresi amano e rispettano la loro città. Inoltre, aggiungo che chi teme un effetto di emulazione può stare tranquillo, perché sono certo che i nostri giovani considerano questi balordi per quello che sono realmente: degli sfigati”.



di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 26-06-2015 alle 16:29 sul giornale del 27 giugno 2015 - 571 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vandalismo, pescara, vandali, vivere pescara, spoltore, marco verri, luciano di lorito, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/albI