Un giorno di pioggia, poi arriva il caldo-record: pronto piano d’emergenza per gli anziani

23/06/2015 - In attesa dell’ultimissima - e breve - ondata di maltempo, destinata a raggiungere Pescara e provincia tra mercoledì e giovedì, gli esperti confermano: nelle prossime settimane ci attendono giornate caldissime, con temperature-record, afa e punte di 35°-38° nella prima settimana di luglio.

Proprio per questo, in attesa delle ultime piogge, il Comune ha deciso di correre ai ripari, predisponendo un piano di emergenza straordinario, rivolto soprattutto agli anziani e alle persone sole. Come illustrato dall’assessore al Sociale Giuliano Diodati si tratta di iniziative di monitoraggio e prevenzione a tutela delle fasce più vulnerabili ed esposte della popolazione.

“Anche quest’anno – illustra Diodati - è attivo in 27 città italiane il sistema d’allarme ‘ondate di calore’. Da parte nostra è partita la collaborazione con il Centro Operativo Sociale Asso Onlus e con le altre cooperative che gestiscono i 5 centri sociali per anziani sul territorio. In particolare – precisa - ci attiveremo attraverso una serie di attività, a partire dal controllo telefonico, per il mantenimento dello stato di benessere dei soggetti interessati. Saranno inoltre a disposizione i riferimenti per le farmacie e i trasporti pubblici ed un numero verde per ogni emergenza: 085-61899”.

“Il COS – spiega Luciano Fattori, responsabile di Asso Onlus - è un centro aperto dal Comune e rivolto alla popolazione anziana e alle persone che vivono sole, senza una rete parentale Abbiamo un elenco di soggetti che controlliamo periodicamente ed un servizio telefonico attivo dalle 8 alle 20. Il nostro servizio principale è l’ascolto dell’anziano per ogni sua esigenza: in caso di necessità siamo pronti a recarci dal medico di famiglia per le ricette e per acquistare i farmaci, ad accompagnare le persone alle visite mediche con i pulmini e a ritirare la pensione. Se allertati dai servizi sociali del Comune e dalla Asl, possiamo riportare a casa gli anziani che non rientrano nella gratuità del servizio di trasporto, intervenendo con un nostro sistema di ambulanza”.

Come ricorda la vicepresidente della Commissione consiliare competente Tiziana Di Giampietro, in città sono particolarmente alti i rischi dovuti alle condizioni meteorologiche estreme, soprattutto a causa delle cosiddette ‘cappe’, con isole di calore che colpiscono persone fragili, bambini piccoli, soggetti non autosufficienti, persone che assumono farmaci in modo continuativo o con patologie croniche, che devono essere costantemente controllate dai servizi sociali e dai medici di famiglia.

Le raccomandazioni sono sempre le stesse: bere di più, stare a casa nelle ore più calde, evitare di esporsi ai raggi solari o al calore delle automobili lasciate al sole, tenere pronti i numeri di emergenza per rivolgersi ai soccorsi.






Questo è un articolo pubblicato il 23-06-2015 alle 10:43 sul giornale del 24 giugno 2015 - 654 letture

In questo articolo si parla di attualità, anziani, sociale, estate, pescara, meteo, counseling, aspic, emergenza caldo, Aspic Pescara, vivere pescara, spazioPiù, counselor, counseling professionale, coaching, coaching pescara, articolo, asso onlus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ak3S