Solo la sfortuna ferma il Pescara: il Bologna strappa il pari e vola in serie A

3' di lettura 10/06/2015 - ‘Abbiamo dato tutto, giocando per oltre un tempo nell’area del Bologna, ma evidentemente non è bastato. A volte quando manca la fortuna tutto il resto è inutile’: sono queste le prime parole di Massimo Oddo al termine della finale di ritorno disputata dal Delfino al Dall’Ara (foto).

Il tecnico, visibilmente amareggiato, ha colto nel segno: solo la fortuna è mancata ad un Pescara brillante e coraggioso, che chiude imbattuto i playoff schiacciando per gran parte del match il favoritissimo Bologna. L’1-1 finale premia gli uomini di Delio Rossi che volano in serie A, lasciando agli abruzzesi la consapevolezza di aver dato il massimo, meritando sul campo ben altra sorte.

Di fronte ad una tribuna gremita di vip e star del mondo dello spettacolo, il vero show è andato in scena sul campo, e ha visto protagonisti proprio i ragazzi di Massimo Oddo. Sotto lo sguardo impietrito dei vari Montezemolo, Morandi, Cremonini e Alberto Tomba il Bologna ha barcollato paurosamente per tutto il match, con gli avversari incapaci solo di assestare il colpo del definitivo ko.

Sin dalle prime battute è il Pescara a imporre il proprio gioco, cercando con insistenza la rete del vantaggio. Dopo le occasioni collezionate da Melchiorri, il felsinei passano in vantaggio grazie alla staffilata sotto la traversa di Gianluca Sansone (37’ pt). Nella ripresa Oddo mette dentro Sansovini e Pasquato al posto di Politano e dello spento Caprari, e ancora una volta le scelte del tecnico pescarese si rivelano azzeccatissime. Al 12’ st infatti è proprio l’ex bolognese a infilare Da Costa con un bel diagonale, riaprendo i giochi.

Da quel momento in poi parte un assedio incredibile, con occasioni a raffica per i biancazzurri. Da Sansovini a Melchiorri, da Pasquato a Salamon ci provano praticamente tutti. L’espulsione di Mbaye al 20’ st per gioco violento sposta definitivamente gli equilibri a favore degli ospiti, ma il gol non arriva. Dopo i tentativi di Lazzari e Pucino, l’ultima occasione capita a tempo abbondantemente scaduto, con la conclusione di Melchiorri che, proprio come all’andata, si stampa sul legno.

Solo sfortuna, commenterà Oddo a fine gara. Delusione a parte, da quello che si è visto nelle ultime settimane di campionato, a Pescara c’è poco da intristirsi: con questo allenatore e con questa squadra l’anno prossimo ci sarà da divertirsi, anche in serie B.

Il tabellino del match:

Finale di ritorno, playoff serie B

Bologna – Pescara 1-1

BOLOGNA: Da Costa, Mbaye, Oikonomou, Maietta, Morleo, Casarini, Matuzalem, Krsticic (5' st Buchel), Laribi, Acquafresca (19’ st Cacia), Sansone (21' st Ceccarelli). A disp.: Coppola, Ferrari, Masina, Bessa, Mancosu, Improta. All.: Rossi
PESCARA: Fiorillo, Pucino, Salamon, Fornasier, Zampano, Torreira (32’ st Lazzari), Memushaj, Brugman, Politano (1'st Pasquato), Melchiorri, Caprari (1'st Sansovini). A disp.: Aldegani, Zuparic, Abecasis, Pettinari, Selasi, Paolucci. All.: Oddo.

RETI: Sansone al 37' pt, Pasquato al 12’ st
ARBITRO: Fabbri di Ravenna
NOTE: al 20’ st espulso Mbaye per doppia ammonizione






Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2015 alle 09:57 sul giornale del 11 giugno 2015 - 557 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, bologna, serie B, bologna calcio, Paolo di Toro Mammarella, pescara calcio, playoff serie B, marco alessandrini, articolo, massimo oddo, birkir bjarnason, ledian memushaj, cristian pasquato, finale playoff

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/akwF