Calcio, show del Pescara a Trapani (4-2): biancazzurri a 3 punti dal secondo posto

2' di lettura 18/01/2015 - Terzo successo consecutivo del Pescara a Trapani: il 4-2 del ‘Provinciale’, oltre ad attestare la definitiva rinascita della squadra, regala al Delfino l'aggancio alle zone alte della classifica. (foto da pescaracalcio.com)

In attesa del posticipo di lunedì, che vedrà il Bologna impegnato contro il Perugia, i biancazzurri raggiungono infatti un obiettivo assolutamente insperato fino a qualche settimana fa. Complici i risultati altalenanti delle prime, il Pescara si ritrova a soli 3 punti dal secondo posto, attualmente occupato proprio dai felsinei.

A Trapani, un Pescara orfano di Maniero e privo di diversi titolari, non è parso affatto distratto dalle voci di mercato. Al contrario, grazie ad una condotta di gara decisa e spregiudicata, i ragazzi di Baroni hanno subito messo sotto i padroni di casa. A inaugurare lo show biancazzurro è Cristian Pasquato, schierato in attacco al fianco di Melchiorri, che al 12’ piazza un sinistro da oltre 30 metri gelando i siciliani. Incassato il pareggio, firmato da Basso al 18’, è ancora Pasquato a riportare avanti gli ospiti con un preciso diagonale (34’). A inizio ripresa c’è però la nuova sortita del Trapani, che dopo appena un minuto agguanta il pari. In questo caso la rete porta la firma di Matteo Mancosu.

Ma il Pescara è incontenibile, affondando definitivamente i padroni di casa con le prodezze di Politano (9’ st) e Bjarnason (16’ st). Messo in sicurezza il risultato, solo l’imprecisione degli attaccanti biancazzurri evita al Trapani un passivo ancora più pesante, con Caprari e Melchiorri più volte vicini alla cinquina.

“Si tratta di una prestazione importante – ha dichiarato il tecnico Marco Baroni a fine gara – che ci consente di proseguire con convinzione sempre maggiore la risalita in classifica”.

In attesa del prossimo match, in programma all’Adriatico con la Ternana, sul fronte calciomercato prosegue la caccia all’attaccante destinato a rimpiazzare Pippo Maniero. Dopo la definitiva conferma di Federico Melchiorri almeno fino a giugno, il nome più caldo resta quello di Andrea Caracciolo, anche se nelle ultime ore sulle tracce dell’Airone si è fiondato anche il Bari di Davide Nicola.


Il tabellino del match:

Trapani – Pescara 2-4
TRAPANI: Marcone; Lo Bue, Pagliarulo, Martinelli (2′ st Caldara), Rizzato; Falco, Zampa (35′ st Iunco), Barillà (17′ st Nadarevic), Basso; Abate, Mancosu. A disp.: Ferrara, Vidanov, Feola, Aramu, Lombardi, Malele. All. Boscaglia.
PESCARA: Aresti; Pucino, Cosic, Zuparic, Zampano; Politano (28′ st Caprari), Selasi, Memushaj, Bjarnason; Pasquato (38′ st Brugman), Melchiorri. A disp.: Fiorillo, Aldegani, Venuti, Da Silva, Paolucci, Silvestri, Milillo. All. Baroni.

ARBITRO: Sacchi di Macerata
RETI: 12′ pt Pasquato, 18′ pt Basso, 34’ pt Pasquato, 1′ st Mancosu, 9′ st Politano, 16′ st Bjarnason


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2015 alle 11:39 sul giornale del 19 gennaio 2015 - 1263 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, pescara, catania, serie B, trapani, calciomercato, federico melchiorri, vivere pescara, pescara calcio, marco baroni, riccardo maniero, matteo politano, marco verri, articolo, andrea caracciolo, birkir bjarnason, cristian pasquato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ad0o