Stella Maris covo di tossici e prostitute, ecco le foto della vergogna. Anelli (M5S): ‘Montesilvano mortificata’

1' di lettura 17/11/2014 - ‘La struttura più bella che potrebbe vantare Montesilvano è occupata abusivamente da tossicodipendenti e non solo’: la denuncia arriva da Manuel Anelli, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio comunale.

“Siringhe, lacci emostatici, abiti usati, stracci e coltelli – prosegue Anelli -, Stella Maris ormai è diventata ricettacolo di prostituzione, delinquenza e spaccio”.

Secondo l’esponente grillino, si tratterebbe di un vero e proprio ‘specchio’ della città, che va a mortificare Montesilvano e i cittadini. “Da anni la provincia e la regione spendono soldi in maniera incontrollata per rimetterla a posto – denuncia il giovane leader dei 5 Stelle -, e puntualmente la lasciano abbandonata. Molte persone entrano e sfondano tutto, rubando anche il rame”.

Da qui, la proposta: “Non serve rimetterla a posto se poi non la si utilizza – scrive Anelli -, il presidente della Provincia Di Marco deve spostare gli uffici della Polizia provinciale all'interno della struttura. In questo modo, risparmieremmo anche tantissimi soldi di affitto”.

Le foto, riportate a fondo pagina e realizzate da Francesco Cilli, testimoniano il degrado assoluto in cui versa la struttura.








Questo è un articolo pubblicato il 17-11-2014 alle 17:15 sul giornale del 18 novembre 2014 - 2145 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, prostituzione, droga, politica, montesilvano, tossicodipendenti, degrado, stella maris, Paolo di Toro Mammarella, manuel anelli, M5S montesilvano, francesco maragno, articolo, antonio di marco

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abD0