Elezioni provinciali, Guerino Testa lancia la sfida e attacca D’Alfonso: ‘Dice fandonie’

3' di lettura 29/09/2014 - Si fa sempre più infuocato il clima politico in vista delle elezioni provinciali di secondo livello, in programma domenica 12 ottobre con voto riservato ai sindaci e ai consiglieri comunali. Come noto, sono due i candidati designati dalle coalizioni di Centrodestra e di Centrosinistra che ambiscono al ruolo di Presidente della Provincia di Pescara: al dalfonsiano Antonio Di Marco, la controparte ha risposto riproponendo il presidente uscente, Guerino Testa (foto).

E proprio dal capogruppo del Nuovo Centrodestra al Consiglio comunale di Pescara arriva la prima vera bordata di questa campagna elettorale. Nel mirino del presidente della Provincia uscente, è finito il Governatore della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso.

Nel corso della conferenza di presentazione di Provincia Prima, la lista di Centrodestra che sostiene la sua candidatura, Guerino Testa ha replicato alle polemiche sollevate nei giorni scorsi dal ‘Faraone’, sottolineando come "sono state dette delle cose inesatte, anzi delle fandonie”.

“E' stato osservato – spiega Testa - che l'amministrazione di Centrodestra, in Provincia, è stata una sanzione degli dei e che ha avuto in odio il territorio. Io ricordo che nel 2009 il Centrosinistra ci ha lasciato scuole e strade in completo abbandono. Prima del 2009 in Provincia hanno fatto clientela, creato staff di giunta, promosso contratti a tempo determinato: certo, in questo sono stati bravissimi. In più, ci hanno lasciato un debito per oltre un milione e mezzo di euro da saldare con Edoardo Barusso. Noi, in cinque anni, nonostante ci siano state riduzioni di trasferimenti statali per 22 milioni di euro, abbiamo appaltato interventi per oltre 66 milioni e dato risposte ai creditori, che abbiamo pagato per 68 milioni e 600mila euro”.

“Abbiamo rivoluzionato il mondo delle scuole – prosegue il presidente della Provincia -, basti pensare all'Alberghiero di Pescara e allo Scientifico di Montesilvano, e abbiamo dato risposte attese da tempo, come i lavori eseguiti nell'area vestina, a partire dalla rotatoria. Tra le opere strategiche portate avanti cito i ponti sul Saline, la bretella a Dragonara, la variante di Torre de' Passeri e quella di Tocco, il ponte sul torrente Baricelle, e a breve la variante di Decontra a Scafa. Insomma, abbiamo invaso il territorio di opere".

Sempre riferendosi al Centrosinistra, Testa ha ricordato il "contributo" offerto in sede di approvazione del Bilancio 2013. "Grazie a loro – ha spiegato - sono stati decurtati i fondi per scuole e strade e sono state fatte delle scelte precise in altri settori, che si possono ritenere importanti ma sicuramente non prioritari: mi riferisco al rifacimento del campo a Torre de' Passeri, ai fondi destinati agli edifici di culto e all'acquisto di opere d'arte. Il nostro obiettivo, invece, era e resta la difesa del territorio".

All’incontro di presentazione di Provincia Prima sono intervenuti anche i sindaci di Montesilvano, Francesco Maragno, e Pianella, Sandro Marinelli, accompagnati da diversi amministratori del territorio pescarese.






Questo è un articolo pubblicato il 29-09-2014 alle 16:25 sul giornale del 30 settembre 2014 - 771 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, elezioni provinciali, provincia di pescara, guerino testa, Paolo di Toro Mammarella, luciano d'alfonso, sandro marinelli, francesca ciafardini, luciano di lorito, articolo, antonio di marco

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/0lE