Luciano D’Alfonso in tribunale per il processo Bussi: ‘Vogliamo la verità’

1' di lettura 19/09/2014 - Blitz a sorpresa del Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso (foto), che nel giorno della ripresa del processo a carico di 19 ex amministratori della Montedison per la discarica di Bussi sul Tirino, si è presentato presso la sede della Corte d’Assise di Chieti, in corso Marrucino.

L’udienza, durata pochi minuti, è stata rinviata al prossimo 2 ottobre, quando andranno in scena le richieste di condanna dei pm e la difesa degli imputati, in vista di una sentenza che, presumibilmente, sarà pronunciata entro la fine dell’anno.

Uscendo dal tribunale, prima di rientrare a Pescara per una serie di appuntamenti in calendario, D’Alfonso ha ricordato come la Regione Abruzzo sia parte civile nel processo e proprio per questo ha ribadito la volontà di prendere la parola nel corso delle prossime udienze.

“Non ci sarà mai più un’altra Bussi - ha dichiarato riferendosi alla mega discarica di Bussi sul Tirino, che avrebbe inquinato per anni le falde acquifere della Val Pescara -, e la mia partecipazione al processo testimonia la volontà di concorrere con tutti i mezzi ad accertare la verità”.


di Marco Verri
redazione@viverepescara.it





Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2014 alle 12:51 sul giornale del 20 settembre 2014 - 572 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ambiente, politica, pescara, chieti, regione abruzzo, bussi sul tirino, montedison, vivere pescara, luciano d'alfonso, tribunale di chieti, marco verri, articolo, discarica di bussi, processo bussi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/9WU