Bimbo ucciso in via Petrarca, il padre lo ha soffocato con un cuscino. I vicini: ‘Amava suo figlio’

18/07/2014 - Emergono nuovi dettagli sulla fine del piccolo Maxim, il bimbo di 5 anni trovato morto la notte scorsa dalla madre nel suo lettino. Dalla Questura di Pescara confermano che ad ucciderlo è stato il padre adottivo, Massimo Maravalle (foto), un tecnico informatico di 47 anni. L’uomo, che nella notte ha confessato l’assassinio agli inquirenti, è stato arrestato e dovrà rispondere di omicidio aggravato. Per uccidere il bambino, il 47enne avrebbe utilizzato un cuscino.

“Quell’uomo adorava suo figlio - riferisce un vicino di casa -, si vedevano spesso insieme e lui non ha mai dato nessun segno di squilibrio. Al contrario, sembravano legatissimi”.

Il piccolo Maxim, di origine russa, era stato adottato circa due anni fa da Maravalle e dalla moglie, un noto avvocato di Pescara. Ed è stata proprio la donna la notte scorsa ad accorgersi che il bambino non respirava, contattando il 118. Il marito, dal canto suo, ha accolto sanitari e agenti nell'appartamento di via Petrarca come se nulla fosse, mostrando grande freddezza. E' stato proprio questo ad insospettire gli uomini della Mobile, che hanno condotto il 47enne in Questura per sottoporlo ad interrogatorio. Incalzato dalle domande degli inquirenti, l’uomo ha raccontato tutto, parlando di un raptus.

Maravalle, che è originario di Pineto, soffriva da qualche mese di disturbi psichici, ma in pubblico non aveva mai mostrato particolari segni di disagio. Proprio per questo, è grande la sorpresa di quanti conoscono la famiglia e in particolare dei vicini, che sottolineano il grande affetto che l’uomo mostrava continuamente per il figlio adottivo.

La Procura della Repubblica di Pescara ha aperto un fascicolo e nelle prossime ore i magistrati ascolteranno il padre assassino.






Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2014 alle 13:17 sul giornale del 19 luglio 2014 - 2843 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pescara, infanticidio, vivere pescara, cronaca nera, omocidio, articolo, bimbo morto, strangolamento, padre assassino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7o3


Purtroppo...ci risiamo con le solite " raccapriccianti tragiche notizie ": Uomo spara da un balcone..., uccide la moglie e si butta nel fiume....da fuoco all'auto e muore carbonizzato lui e il figlio...annuncia suicidio alla madre...Tossicodipendente si ferisce con un coltello.... si butta dal balcone...ecc. e .. l'ultima notizia...." SOFFOCA IL FIGLIO CON UN CUSCINO". E poi....sento dire la solita ipocrita frase " Non ha mai avuto problemi, o scatti d'ira né a casa né al lavoro. Una tragedia del genere era assolutamente inimmaginabile "e poi..." Era in CURA con PSICOFARMACI " . Siamo nel 2014 e si continua ancora a " banalizzare sui Disturbi del Pensiero e del Comportamento ". O non se ne prende atto o si continua a " delegare al Farmaco " la " cura " del " Malessere Psichico " considerandolo " Malattia " ( anche se non si è mai trovato un " Microbo " che lo potesse generare ) e non come andrebbe considerato, cioè un " accumulo di eventi frustranti che Dissociano e Scindono il Pensiero determinando Comportamenti Disfunzionali " che può essere risolto solo e soltanto con una PSICOTERAPIA del profondo, effettuata con " strumenti psicologici adeguati " atta a " resettare " il vissuto.Inoltre, per completare il commento vorrei sottolineare che i " bambini non sono oggetti " e che pertanto le Autorità Competenti ( si fa per dire " competenti " ) nell'assegnare in adozione i bambini " dovrebbero " consultare uno Psicologo Psicoterapeuta per valutare l'integrità psichica dei genitori affidatari. Sono profondamente amareggiato nel sentire questi tragici eventi consapevole che potrebbero essere evitati. Dr. Febo Artabano, Dietologo Nutrizionista, Psicologo Psicoterapeuta, Sessuologo, Ipnologo. www.feboartabano.it www.feboartabano.eu