Sparatoria a Pescara, un arsenale in casa del presunto cecchino: fermato un 45enne della zona

1' di lettura 12/07/2014 - Si stringe sempre di più il cerchio attorno al responsabile della sparatoria della notte scorsa, con il ferimento di 3 passanti sulla Strada Parco. Dopo le perquisizioni delle ultime ore, il personale della Squadra Mobile di Pescara, coordinato da Pierfrancesco Muriana, ha fermato un uomo di 45 anni. Secondo le prime indiscrezioni, si tratterebbe proprio dell'uomo che abita al secondo piano della palazzina di via Gioberti indicata dai testimoni.

Il sospettato, condotto in questura per l'interrogatorio, finora ha respinto tutte le accuse. In casa sua la polizia avrebbe trovato un vero e proprio arsenale, con una cinquantina di armi tra pistole e fucili ad aria compressa. Gli inquirenti precisano che, salvo eventuali 'modifiche' al vaglio della scientifica, si tratta di armi 'non da sparo' e in libera vendita. Le indagini sono svolte in collaborazione con la Squadra Volante, intervenuta la notte scorsa con 5 pattuglie sul luogo dell'incidente. La zona è stata transennata dalla polizia scientifica, che ha provveduto ad effettuare tutti i rilievi per stabilire l'esatta traiettoria dei proiettili.

Nonostante lo stretto riserbo degli inquirenti sulle indagini, pare ormai certo che l’autore del folle gesto abbia sparato a caso: le 3 persone ferite non si conoscevano e si trovavano per caso ad attraversare proprio in quel momento l'incrocio con la Strada Parco. In particolare, il fatto che il cinese fosse in sella alla bicicletta ha portato ad escludere l’ipotesi che a colpire sia stato un residente infastidito da schiamazzi notturni.






Questo è un articolo pubblicato il 12-07-2014 alle 11:18 sul giornale del 14 luglio 2014 - 1920 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, pescara, sparatoria, squadra mobile di pescara, Paolo di Toro Mammarella, strada parco, articolo, cecchino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/69l


Le armi, anche se ad aria compressa " dovrebbero essere vietati per legge ". Inoltre, nelle Commissioni per il rilascio del porto d'armi dovrebbero inserire anche degli Psicologi Psicoterapeuti per poterne valutare l'integrità psichica. Dr. Febo Artabano, Dietologo Nutrizionista, Psicologo Psicoterapeuta, Sessuologo, Ipnologo. www.feboartabano.it www.feboartabano.eu