Porto di Pescara, incontro della marineria con Testa e Castiglione: 'Presto pagamenti del fermo 2013'

2' di lettura 14/05/2014 - Il Sottosegretario alle Politiche agricole, alimentari e forestali Giuseppe Castiglione ha annunciato a Pescara il pagamento, previsto per i prossimi giorni, delle somme dovute alla marineria locale per il fermo biologico del 2013; per quanto riguarda il fermo 2014 e per tutte le questioni ancora aperte, ha annunciato di voler aprire un tavolo in Prefettura, direttamente nel capoluogo adriatico, in modo da esaminare nel dettaglio le varie problematiche prospettate.

L'incontro tra il Sottosegretario e i rappresentanti della marineria è avvenuto su iniziativa del candidato Sindaco Guerino Testa, Presidente uscente della Provincia di Pescara, con la partecipazione di Massimo Pastore, consigliere comunale uscente e candidato alle elezioni del 25 maggio.

Numerose sono le perplessità espresse dagli operatori, in relazione alla mancata corresponsione del fermo biologico, al mancato pagamento della Cassa integrazione e alla scarsa vendita del pescato. Inoltre, è stato posto l'accento sui debiti accumulati durante lo stop forzato delle imbarcazioni a causa del mancato dragaggio e sulle continue rotture dei motori delle imbarcazioni, nonostante l'intervento realizzato sui fondali.

"Non abbiamo saputo più nulla dei 2,5 milioni di euro destinati dal Governo alla marineria pescarese - spiegano i rappresentanti di categoria - ed è grande la preoccupazione per il fermo da realizzare nel 2014, che vorremmo scaglionato". "Queste persone - ha commentato Testa - stanno vivendo una vera e propria odissea. Sono state travolte da una lunga serie di problemi e tante situazioni sono rimaste in sospeso, per cui continuano a chiedere risposte, ma fino ad oggi non si concretizza alcunché".

Il Sottosegretario ha confermato la massima disponibilità ad affrontare tutte le questioni. "Entro fine maggio sarà pagato il fermo biologico per il 2013 - ha annunciato l'esponente di Governo - e gli uffici sono già al lavoro per questo, visto che pagheremo tutto l'Adriatico entro giugno. Per il 2014 apriremo un tavolo subito dopo le elezioni, in Prefettura, con la partecipazione dei rappresentanti dei ministeri interessati e delle associazioni di categoria, per studiare nel dettaglio tutti i punti ancora aperti. Non sarà un tavolo per differire le questioni ma per affrontarle, e si occuperà di una possibile flessibilità del fermo del 2014, della crisi di mercato e della Cassa integrazione guadagni".

"Tutto quello che possiamo fare lo stiamo già facendo - ha concluso Castiglione -, il resto lo esamineremo nel tavolo operativo al quale parteciperò anche io, a Pescara, e che servirà per definire tutte le questioni".






Questo è un articolo pubblicato il 14-05-2014 alle 19:21 sul giornale del 15 maggio 2014 - 930 letture

In questo articolo si parla di pesca, politica, redazione, pescara, pescatori, mare adriatico, giuseppe castiglione, guerino testa, vivere pescara, porto di pescara, articolo, marineria di pescara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/4br