Bimbi gratis a teatro con 'La Favola Bella': il mito di Omero rivive a Pescara

04/04/2014 - Da martedì 8 a sabato 12 aprile 2014, andrà in scena all’Auditorium Flaiano di Pescara lo spettacolo ‘Ulisse odiava le mele’, una commedia musicale liberamente tratta dall’Odissea di Omero. Il nuovo spettacolo teatrale, per la regia di Zulima Memba, è curato della Compagnia “La Favola Bella” di Pescara, diretta da Rossella Micolitti.

Lo spettacolo sarà offerto gratuitamente a tutti i ragazzi di terza, quarta e quinta elementare delle scuole pubbliche e private di Pescara, grazie al contributo dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune, come gratuito sarà anche il trasporto dei bimbi dalla scuola a teatro.

Si tratta della seconda iniziativa che la “Favola Bella” ha organizzato con l’Assessorato alla Pubblica Istruzione di Pescara: già a dicembre 2013 i ragazzi della prima e della seconda elementare hanno assistito gratuitamente allo spettacolo “Favo..liamo con Babbo Natale” .

La “Favola Bella” è una Associazione culturale con forte vocazione territoriale, volta a valorizzare i talenti nostrani e nata con l’intento di occuparsi della produzione e diffusione del 'Teatro Ragazzi' per l’intera utenza scolastica delle città di Pescara, Chieti e relative province.

Presidente dell’Associazione è Rossella Micolitti, attrice professionista con esperienza ventennale, nonché ideatrice e direttrice artistica del Progetto “La Favola Bella - il Teatro per i Ragazzi e la Famiglia”. L’intento è quello di far conoscere i grandi capolavori della letteratura per i’Infanzia e per ragazzi, allestendo commedie musicali di indiscusso valore educativo, con lo scopo di invogliare il bambino ad andare a teatro fin dalla tenera età.

Lo spettacolo sarà replicato con una recita speciale per le famiglie il 12 Aprile alle ore 20,30
Per maggiori informazioni: www.lafavolabella.it - info@lafavolabella.it - 085.4212965 - 329.2125372


APPROFONDIMENTO - “ULISSE ODIAVA LE MELE”

“Ulisse odiava le mele” è uno spettacolo pensato per far conoscere ai più giovani il mito omerico: dalla dichiarazione della guerra di Troia in seguito all’episodio della mela della discordia, fino al rientro di Ulisse ad Itaca. L’elaborazione drammaturgica ha inteso conservare la dimensione educativa e di interpretazione dell’attualità presente nei testi teatrali della Grecia antica. Le vicissitudini di Ulisse nel suo sforzo per tornare a casa e riunirsi alla sua amata famiglia, i sacrifici e gli sforzi di Penelope e Telemaco per contenere i Proci fino al ritorno del re, si prestano ad una lettura attuale: l’invito ai giovani a lottare contro la “fuga di cervelli”, restando in patria, vicini agli affetti, per costruire un futuro migliore. E’ un canto alla speranza, come dice Omero nello spettacolo: “Non sarà facile, ma nemmeno impossibile”. La metafora del “non lasciare la nostra terra in mano ai Proci” conserva tutta la sua forte valenza etica e culturale.

Le musiche originali sono state composte dai giovani musicisti della classe di 'popular music', diretta dal M° Angelo Valori presso il Conservatorio 'L. D’Annunzio di Pescara'.

A fondo pagina è riportata la locandina dell'evento: clicca sull'icona per visualizzare i dettagli dello spettacolo.







Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 04-04-2014 alle 12:25 sul giornale del 05 aprile 2014 - 929 letture

In questo articolo si parla di musica, teatro, redazione, spettacoli, pescara, teatro per ragazzi, teatro per bambini, vivere pescara, rossella micolitti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/11c