Di Mattia contro tutti: manifesti per i ‘traditori’ e ironia sulla nostra Redazione

4' di lettura 27/02/2014 - L’ex Sindaco di Montesilvano, Attilio Di Mattia (foto) non sembra avere intenzione di gettare la spugna e, in attesa della risposta del Tar sul ricorso presentato per le presunte irregolarità della decadenza del Consiglio comunale, mette in piedi un plateale j’accuse contro i 13 consiglieri che, con le loro dimissioni, hanno causato la caduta della Giunta.

A Montesilvano sono infatti comparsi alcuni manifesti in cui l’ex Primo Cittadino attacca i ‘traditori’ e rivendica i successi conseguiti nei 21 mesi della sua amministrazione. Nei manifesti, Di Mattia definisce ‘un atto spregiudicato’ le dimissioni dei consiglieri, riconducendo il tutto a ‘poteri forti’ che avrebbero messo le mani sulla città.

Proprio in riferimento all’articolo pubblicato ieri su questa testata (link), sorprende come Di Mattia, dimostrando scarsa memoria e soprattutto carenza di una buona dose di umiltà, se la sia presa anche con la Redazione di Vivere Pescara. L’ex Primo Cittadino, dopo la pubblicazione dell’articolo, ha inviato un tweet in cui metteva in dubbio la ricostruzione dei fatti. Come abbiamo sempre fatto, a partire proprio da Di Mattia, da sempre attentissimo alla comunicazione istituzionale, Vivere Pescara ha messo prontamente a disposizione il suo spazio per ospitare la replica dell’ex Sindaco, sottolineando (sempre via twitter) come la sua figura avesse sempre trovato grande attenzione sul nostro quotidiano online.

Ma Di Mattia, invece di rispondere all’invito, ha ritenuto di ironizzare sul nostro lavoro, replicando con un semplice quanto irridente ‘è vero, voi siete il top’. Risulta curioso come l’ex Sindaco abbia dimenticato come per mesi questa testata abbia ospitato quotidianamente i comunicati del suo efficientissimo ufficio stampa (basta guardare l’archivio), una possibilità che, tra l’altro, è sempre stata data a chiunque. Di Mattia, evidentemente più attento di altri alla comunicazione istituzionale, ha trovato una posizione di rilievo sulle nostre pubblicazioni.

Nonostante questo, forse per via dei tanti impegni, per mesi l’ex Primo Cittadino si è guardato bene dal rispondere, con un commento o con un semplice ‘grazie’, a tutte le mail di notifica relative a suddetti articoli. Stessa cosa su Facebook: mentre i suoi comunicati viaggiavano spediti sul nostro profilo e la pagina facebook collegata, Di Mattia non ha mai risposto alla nostra richiesta di amicizia, ignorando a ripetizione notifiche e tag. Poco male, ci siamo detti, attribuendo la cosa al grande impegno che l’ex Sindaco ha sempre profuso nel suo lavoro. Troppo impegnato, evidentemente, anche per un semplice riscontro, ma tant’è, ce ne siamo fatti ben presto una ragione, limitandoci a fare il nostro lavoro.

Quello che non ci spieghiamo adesso è perché, di fronte a un articolo ripreso tra l’altro da diversi organi di stampa, Di Mattia abbia speso 30 secondi del suo prezioso tempo per contestare (legittimamente, questo è fuori dubbio) la ricostruzione dei fatti, senza però rispondere all'invito di spiegare la sua posizione. Nel suo tweet, Di Mattia si dice ‘a disposizione’, dimenticando che egli non ha mai risposto ai messaggi inviati ai recapiti in nostro possesso (mail, facebook e, almeno fino a ieri, twitter).

I nostri recapiti sono pubblici, e l'ex Sindaco è libero di utilizzarli come crede. Al Sindaco, di cui non conosciamo altri recapiti (cellulare o email personale) abbiamo ribadito quanto i nostri lettori sanno benissimo: Vivere Pescara è una testata assolutamente indipendente, che è lieta di concedere il suo spazio a chiunque sia interessato. Ma a Di Mattia forse questo sfugge, visto che non figura tra i nostri lettori.

Nei prossimi giorni, l’ex Sindaco ha annunciato che visiterà ‘casa per casa’ i cittadini, per portare avanti la sua ‘operazione verità’. Nell’augurargli buon lavoro, cogliamo l’occasione per ringraziarlo per il suo secondo e ultimo commento, giunto a 15 ore dalla nostra replica di ieri: ‘voi siete il top’, ha ironizzato lapidario l'esponente del Pd, che probabilmente ha conservato tutte le sue argomentazioni per le visite in programma nelle case dei montesilvanesi.






Questo è un articolo pubblicato il 27-02-2014 alle 13:07 sul giornale del 28 febbraio 2014 - 1302 letture

In questo articolo si parla di politica, redazione, pescara, montesilvano, vivere pescara, attilio di mattia, giunta montesilvano, elezioni montesilvano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ZaA