Calcio, caos Pescara: fuori Marino, arriva Cosmi

2' di lettura 24/02/2014 - Il comunicato, atteso da tutti, è arrivato dopo l’ennesimo rovescio di un’annata disgraziata: la Delfino Pescara ha sollevato dall’incarico il tecnico Pasquale Marino. La trasferta di Bari, ultimissima chiamata per l’allenatore siciliano, si è conclusa con la sesta sconfitta consecutiva (0-1), relegando i biancazzurri nei bassifondi della classifica.

Un 2014 da incubo, quello del Pescara, incapace finora di conquistare punti. A farne le spese, come da previsioni, è stato in primis il tecnico, che non ha rilasciato dichiarazioni. Si attende a breve la conferma del sostituto, che con tutta probabilità sarà l’esperto tecnico perugino Serse Cosmi (foto). Raggiunto l’accordo con la società, mancano solo pochi dettagli per ufficializzare lo sbarco a Pescara di Cosmi, già sulla panchina di numerose società di Serie A e B. L'ex condottiero del 'Perugia dei miracoli' cercherà di rilanciare le ambizioni di una squadra lontana anni luce dalle posizioni che contano.

La trasferta di Bari non ha fatto che confermare quanto di negativo si è visto in questi mesi: reparti scollegati, gioco inesistente, il Delfino è parso in stato confusionale, sempre in balia degli avversari. Svogliato in difesa e spuntato in attacco, il Pescara pare lontano parente della bella squadra ammirata fino a Natale.

A Bari, dopo una gara priva di nerbo, è arrivata come da copione la sesta sconfitta, con i padroni di casa che hanno piegato i biancazzurri grazie all'inzuccata del portoghese Joao Silva a un quarto d’ora dal termine. A pochi secondi dal triplice fischio, il portoghese ha clamorosamente fallito l'occasione per il raddoppio, rendendo meno amara la pillola per il Pescara.

Archiviata la trasferta del San Nicola, tutte le attenzioni sono ora concentrate sull’attesa firma di Serse Cosmi: grande motivatore, esperto in situazioni ‘d'emergenza’, l’unico ostacolo che separa il tecnico dalla panchina pescarese è il contratto che ancora lo lega al Siena. L’arrivo di Cosmi a Pescara è atteso nelle prossime ore, anche perché il tempo stringe: sabato nuova trasferta, con i biancazzurri chiamati a risalire la china nella tana dei lupacchiotti avellinesi. Una gara insidiosa, prima chance per riprendere il cammino e tirarsi fuori da una situazione che inizia a farsi preoccupante.

Il tabellino del match:

Bari-Pescara 1-0

BARI (4-3-3): Guarna, Sabelli (17' st Zanon), Ceppitelli, Chiosa, Calderoni, Defendi, Romizi (32' st Fossati), Sciaudone, Del Vecchio, Galano, Joao Silva. All. R. Alberti
PESCARA: Belardi, Zauri (8' Zuparic), Schiavi, Bocchetti, Balzano, Bovo, Brugman, Rossi, Politano (35' st Cutolo), Maniero (35' st Sforzini), Ragusa. All. P. Marino

Arbitro: Pairetto di Nichelino

reti: 30' st Joao Silva






Questo è un articolo pubblicato il 24-02-2014 alle 10:56 sul giornale del 25 febbraio 2014 - 744 letture

In questo articolo si parla di sport, bari, pescara, serie B, serse cosmi, Paolo di Toro Mammarella, pescara calcio, daniele sebastiani, pasquale marino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/YW6