Primarie Centrosinistra, Ciafardini: 'Perché non ci sono donne?'

1' di lettura 21/02/2014 - 'I candidati del Pd alle primarie del 9 marzo sono persone di estrema qualità e grande spirito di iniziativa, e si confronteranno serenamente all’interno di una coalizione che vuole cambiare la città. E il cambiamento parte proprio da qui: mentre l’amministrazione Albore Mascia chiude le porte ai cittadini, noi apriamo le nostre sedi per far scegliere dagli elettori il nostro candidato sindaco'. Lo ha affermato Francesca Ciafardini (foto), segretaria provinciale del Pd di Pescara.

"Ringrazio pubblicamente Enrico Paolini, che ha dato la sua disponibilità a fare un passo indietro per rafforzare l’unità del nostro partito. Esprimo invece il mio personale rammarico – prosegue la segretaria Pd – di fronte a 7 candidati tutti uomini: è evidente che la politica locale deve lavorare ancora per ottenere la rappresentanza di genere che l'Europa ci chiede. Mi sarebbe piaciuta la candidatura di una delle donne democratiche che hanno dimostrato un forte radicamento nella città, come la parlamentare Vittoria D’Incecco, la consigliera regionale Marinella Sclocco, la consigliera comunale Paola Marchegiani, che stanno lavorando bene nei ruoli che ricoprono".

"Ora – ha concluso Ciafardini – siamo tutti impegnati per questa grande festa, in cui ogni dirigente ed ogni iscritto sceglierà liberamente chi sostenere, superando ogni logica di corrente, ma con il semplice e decisivo senso di appartenenza alla casa comune che stiamo costruendo".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-02-2014 alle 18:16 sul giornale del 24 febbraio 2014 - 630 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, pd, pescara, primarie centrosinistra, Pd Pescara, silvio paolucci, francesca ciafardini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/YR6