Pescara Calcio truffato da falsi agenti in Venezuela

1' di lettura 18/02/2014 - Clamorosa truffa ai danni del Pescara Calcio perpetrata da sedicenti procuratori sportivi in Venezuela. Appresa la notizia grazie alla segnalazione di un giornalista in Venezuela, la società ha deciso di sporgere denuncia alla Procura della Repubblica di Pescara.

"In questi giorni - si legge nel comunicato diramato dalla società - siamo venuti a conoscenza, grazie a un giornalista venezuelano, che in America Latina stanno mettendo in atto una manovra truffaldina usando il nome della Pescara Calcio".

A quanto pare, sarebbero centinaia le persone raggirate, abbagliate dal miraggio di poter esportare giovani talenti in Italia per giocare con la maglia biancazzurra. Un miraggio pagato a caro prezzo.

"I truffatori - prosegue la nota - hanno prodotto documenti falsi, comunicati stampa e interviste, profili falsi di facebook e organizzato eventi, promuovendo le loro iniziative con il nostro logo per compiere raggiri ai danni di società sportive, famiglie e ragazzi con il sogno di diventare calciatori".

Si tratta dunque di una truffa ben orchestrata, e la società presieduta da Daniele Sebastiani (foto), ribadendo di non aver dato mandato a nessun agente per reclutare giovani talenti in Venezuela o in altri luoghi dell’America Latina, ha comunicato l'intenzione di sporgere denuncia presso la Procura della Repubblica.






Questo è un articolo pubblicato il 18-02-2014 alle 19:09 sul giornale del 19 febbraio 2014 - 772 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, sport, truffa, calcio, Venezuela, vivere pescara, pescara calcio, daniele sebastiani, procura della repubblica di pescara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/YHG