Dragaggio del Porto canale di Pescara: riunione in Prefettura

2' di lettura 02/12/2013 - Importante riunione in Prefettura per verificare la situazione sui lavori di dragaggio del Porto canale di Pescara. Nel corso dell'incontro, svoltosi lunedì 2 dicembre, oltre a fotografare lo stato attuale dell’iter dei lavori, sono stati esaminati, in prospettiva, alcuni interventi infrastrutturali che interesseranno l’area portuale di Pescara, quali la diga foranea, l’ampliamento della vasca di colmata per il contenimento di altri 500.000 mc. di fango e la sistemazione degli argini.

E’ stato verificato che le operazioni di dragaggio sono in fase di completamento e presumibilmente termineranno nel prossimo mese di gennaio; la quantità dei fanghi che complessivamente sarà rimossa è maggiore di quella inizialmente preventivata, superando gli oltre 320.000 mc, per una profondità di fondale variante da 5,5 ai 6 m., in maniera da consentire la ripresa dei traffici turistico-commerciali.

Preliminare, ampia attenzione è stata dedicata alla situazione di emergenza meteo che interessa l’intero territorio provinciale, in particolare l’area urbana di Pescara sud, ed ai conseguenti notevoli danni provocati dall’incessante pioggia e dall’innalzamento della portata dei bacini fluviali, in particolare dei fiumi Aterno-Pescara, Saline e Piomba; al riguardo, sono stati valutati i percorsi da seguire per migliorare le opere idrauliche da realizzare nelle aste fluviali e per la messa in sicurezza delle aree urbanizzate nonché sui relativi finanziamenti per porre, poi, in essere, i necessari interventi del caso.

All’incontro, tra gli altri, hanno partecipato il Sottosegretario di Stato on. Legnini, il sen. Chiavaroli, gli on.li D’Incecco, Castricone, Melilla e Vacca, il Prefetto D’Antuono, l’assessore regionale Febbo, il sindaco di Pescara Albore Mascia, il presidente della provincia Testa, il Provveditore interregionale alle Opere Pubbliche Ing. Linetti e il comandante della Direzione marittima Pozzolano.