Guida L'Espresso 2014: il ristorante Villa Maiella di Guardiagrele è Cantina dell'Anno

da sinistra: Pascal Tinari, Salvatore Pallonetto, Peppino Tinari, Maurizio Zuccolo. 20/10/2013 - Il ristorante Villa Maiella di Guardiagrele (Ch), stella Michelin dal 2010, ha ricevuto il Premio Kettmeier come Cantina dell’Anno nell’edizione 2014 della Guida L’Espresso. Confermatosi al secondo posto in Abruzzo con i suoi 16/20 punti, il ristorante Villa Maiella si è distinto nel corso di quest’anno per la complessità e la ricchezza della carta dei vini.

In trent’anni di esperienza, la cantina del ristorante ha raggiunto le 1200 etichette di vino e 100 di distillati, con una notevole profondità di annate e una sensibilità per il territorio abruzzese tanto per i nomi più in vista quanto per i piccoli produttori. Tra le verticali più significative ci sono i vini Valentini e Masciarelli sin degli anni ‘90.

"Questo riconoscimento ci rende particolarmente orgogliosi, perché riserviamo una grande attenzione all’aggiornamento della carta dei vini", spiega Peppino Tinari, che insieme a sua moglie Angela Di Crescenzo e i figli Arcangelo e Pascal manda avanti il ristorante Villa Maiella. "Quest’anno abbiamo incrementato la carta dei vini nazionali e internazionali – spiega Pascal Tinari, maître di sala e curatore della cantina –, prestando attenzione ai vini che esprimono un terroir. Saper selezione dei vini è solo il primo passo: è fondamentale sapere come vanno conservati e anche presentati, descrivendo le peculiarità del luogo e la filosofia del produttore".

Sulla guida è naturalmente presente la recensione del ristorante, in cui vengono messi in risalto la semplicità e il gusto dei salumi, interamente di produzione propria, e, tra i piatti, le paste appena tirate, i prodotti della fattoria, l’agnello e gli animali da cortile.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-10-2013 alle 22:41 sul giornale del 21 ottobre 2013 - 667 letture

In questo articolo si parla di cultura, attualità, l'espresso, guardiagrele, villa maiella, Pascal Tinari, Salvatore Pallonetto, Peppino Tinari, Maurizio Zuccolo, guida l'espresso 2014, tinari, gastronomia abruzzese, Premio Kettmeier

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Tmd